La storia di Audemars Piguet Replica

La storia di  Audemars Piguet Replica: fondare il marchio

Nel 1874, due giovani imprenditori poco più che ventenni si ricongiungono nella Vallee de Joux in Svizzera. La coppia si conosceva sin dall’infanzia e i loro nomi erano Jules Louis Audemars e Edward Auguste Piguet replica. Un anno dopo, nel 1875, decisero di mettersi in affari insieme. Non sapevano che il loro marchio omonimo sarebbe diventato una delle migliori aziende nel loro settore. Questa è l’origine e la storia di Audemars Piguet replica.

Combinare punti di forza per il successo

Sia Audemars che Piguet erano cresciuti nella Vallee de Joux, immersi nelle profonde radici orologeria della regione. Venivano da generazioni di orologiai e avevano imparato l’orologeria in giovane età. Ognuno di loro aveva punti di forza unici in diverse aree dell’orologeria da portare in tavola mentre stabilivano il loro workshop iniziale. Erano la partita perfetta.

Audemars era altamente tecnico, avendo lavorato principalmente nella produzione di complicati movimenti di orologi. Quindi, si concentrò sulla direzione della produzione, sulla supervisione dello sviluppo del prodotto e sulla produzione dei componenti grezzi per i loro primi orologi. D’altra parte, Piguet è stato il ripetitore o il maestro orologiaio, eseguendo il regolamento finale sugli orologi. Ispezionò attentamente ogni componente finito, fece tutti gli aggiustamenti necessari, assemblò i movimenti e riportò in vita gli orologi replica. In seguito, mentre la società cresceva e si evolveva, Piguet scoprì la sua passione per il lato commerciale delle vendite, del marketing e della gestione e passò a quel ruolo.
Guarda l’innovazione nei secoli

Il marchio ha realizzato la sua prima creazione davvero innovativa nel 1898 con lo sviluppo dell’orologio da polso con ripetizione del primo minuto. Solo pochi anni dopo, nel 1899, fecero il loro debutto con l’orologio da taschino “Grand Complication”. Il modello vantava sette complicazioni uniche, tra cui uno sciopero grande e piccolo, un ripetitore minuto, un allarme, un calendario perpetuo, secondi morti, un cronografo con secondi saltanti e una lancetta dei secondi.

Le cose cambiarono per la compagnia quando entrambi i fondatori morirono nell’arco di un anno, dal 1918 al 1919. Tuttavia, l’attività rimase nelle abili mani dei figli dei fondatori, Paul Louis Audemars e Paul Edward Piguet. Insieme, continuarono a portare avanti la tradizione di innovazione familiare con la creazione del calibro da orologio da tasca più sottile del 1925, lo sviluppo del primo orologio da tasca scheletrato nel 1934 e il debutto dell’orologio replica da polso più sottile del 1946.
Diventare un’icona orologiera

Audemars Piguet replica ha consolidato il proprio ruolo nella storia dell’orologeria negli anni ’70. Poiché la crisi del quarzo ha continuato a colpire l’industria, Audemars Piguet replica e altri orologiai tradizionali hanno faticato a rimanere pertinenti. Il marchio sapeva che avevano bisogno di fare qualcosa di audace. Così, alla vigilia dello Swiss Watch Show del 1972 (ora conosciuto come Baselworld), l’amministratore delegato della compagnia incontrò il leggendario designer Gerald Genta. Disse a Genta le aspirazioni del marchio di creare una categoria completamente nuova di orologi, l’orologio sportivo di lusso, e avevano bisogno di un disegno da presentare il giorno seguente. Genta è stato immediatamente ispirato e il suo genio è andato a lavorare. Il risultato è stato l’iconico Royal Oak.

Audemars Piguet replica oggi

Un decennio più tardi, il modello di punta ricevette un aggiornamento dal designer Emmanuel Gueit, e nacque il più grande Royal Oak Offshore. Sebbene questi modelli sorprendentemente non convenzionali si siano polarizzati sul loro debutto iniziale, alla fine sono giunti a definire il marchio. Tuttavia, Audemars Piguet replica non ha mai smesso di continuare a innovare. Per celebrare il 125 ° anniversario dell’azienda all’inizio del secolo, hanno svelato un modello estremamente complicato che mostra l’equazione del tempo, l’alba, il tramonto e un meccanismo di calendario perpetuo. Sia che scegliate uno dei modelli più famosi del marchio, come la Royal Oak, o una delle loro complesse complicazioni, sapete di indossare un’icona quando sfoggerete un Audemars Piguet replica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *